QUINDICESIMA SETTIMANA DI GRAVIDANZA

 

Il secondo trimestre, cadendo tra le nausee del primo e la spossatezza e l’impaccio del terzo, risulta essere il periodo migliore della gravidanza.

CAMBIAMENTI NEL CORPO DELLA DONNA

A questo punto della gravidanza, la donna, inizierà ad avere problemi ad allacciare i pantaloni; è infatti arrivato il momento di pensare all’eventualità di indossare indumenti premaman.

 

Toccando l’addome è possibile sentire il fono dell’utero che si trova circa 3 cm al di sotto dell’ombelico.

Per quanto riguarda il peso, in questo momento la maggior parte delle donne dovrebbe aver avuto un incremento di 2 o 3 chili anche se l’aumento di peso dipende molto da persona a persona.

I legamenti addominali iniziano a tirare a causa dell’accrescimento dell’utero e questo può causare crampi e qualche piccolo fastidio diffuso.

Durante la gravidanza è possibile andare incontro a diverse infezioni in quanto il sistema immunitario della madre si è alquanto indebolito; si possono verificare, infatti, infezioni batteriche, infezioni del tratto urinario e vaginosi che debbono essere tempestivamente prese in cura dal proprio ginecologo.

Per evitare di incorrere in questi problemi è bene indossare sempre abiti puliti, non troppo stretti e preferibilmente tessuti naturali (cotone,…).

SVILUPPO DEL FETO

La lunghezza dalla testa al sacro è ora di circa 93/103 mm ed il suo peso di circa 50 grammi (la grandezza di una mela).

Le sue gambe sono cresciute di più rispetto alle braccia ed il corpo anche se ancora in miniatura inizia ad avere le proporzioni di un bambino.

Il ritmo della crescita del feto è molto veloce tanto che alla fine di questa settimana tutti gli organi più importanti sono già completamente funzionanti.

Il cuore ed i reni stanno continuando a svilupparsi.

La sua pelle, sottile e trasparente, lascia intravedere i capillari ed i vasi sanguigni.

La peluria sulle sopracciglia e sulla testa continua a crescere e i follicoli iniziano a produrre il pigmento che li colorerà.

Il bambino sta diventando sempre più mobile e flessibile, si muove infatti, da i primi calcetti, si addormenta e si sveglia.

Le sue braccia si piegano all’altezza dei gomiti, le mani possono chiudersi a pugno e può succhiarsi il pollice.

Sul viso si notano le prime smorfie.

L’orecchio interno è formato a tal punto da permettergli di udire i rumori esterni.

Le ossa ed il midollo continuano a svilupparsi.

ACCORGIMETI E STILE DI VITA DA MANTENERE

A questo punto della gravidanza, passato il periodo più delicato del primo trimestre, è bene imparare a rilassarsi ed allontanare il più possibile ogni problema che possa creare qualsiasi tipo di ansia; è dimostrato infatti che le madri di bambini nervosi e ansiosi erano spesso tese durante la gravidanza.

E’ caldamente consigliato indossare vestiti comodi e assumere sempre una corretta postura.

E’ consigliabile iniziare, sin da ora, a dormire su un fianco, possibilmente quello sinistro per motivi digestivi.

Fare molta attenzione a sollevare gli oggetti pesanti avendo cura di utilizzare i muscoli delle gambe e mai chinarsi da una posizione eretta.

Durante i viaggi evitare le strade con troppe buche o comunque affrontarle con calma in quanto i sobbalzi frequenti potrebbero nuocere alla salute di madre e bambino.

Allo stesso modo evitare di praticare equitazione per tutta la durata della gravidanza.

Per quanto riguarda gli altri accorgimenti da prendere, sono gli stessi che occorre mettere in atto per tutta lagravidanza: alimentazione sana (evitare cibi pesanti e soprattutto poco cotti o scongelati non in maniera corretta), riposare quando il corpo lo richiede e fare una leggera attività fisica (ad esempio possono essere molto salutari le passeggiate all’aria aperta).

Evitare nella maniera più assoluta le abitudini poco salutari sia per la madre e per il bambino (fumo, alcool e utilizzo di medicinali in genere non strettamente necessari e senza aver ascoltato obbligatoriamente il consiglio del ginecologo).

 

 

StampaEmail

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Related Articles