Come scegliere un hotel per famiglie in 5 mosse

come scegliere un family hotel

Quando cominciamo ad organizzarci per le vacanze, dalla settimana bianca alle ferie al mare, una delle prime cose che facciamo è cercare dove dormire con i bambini. Fortunatamente, sono sempre di più le strutture ricettive “attrezzate” per ospitare famiglie e rendere il loro soggiorno il più comodo possibile. Ma, proprio perchè ormai l’offerta è decisamente “imponente”, bisogna saper scegliere, perchè, una vacanza disastrosa, che ci ha deluso e stressato, potrebbe addirittura convincerci a rinunciare a viaggiare con i bambini (soprattutto se sono molto piccoli).
Quindi, per goderci delle bellissime vacanze, prima di prenotare, dedichiamo un pò di tempo a selezionare con cura chi ospiterà la nostra famiglia.

Ma come si fa a capire se un hotel o un appartamento sono family friendly?

Ecco 5 facili mosse per scegliere una struttura adatta ai bambini e godersi una vacanza serena.

1. Scegliere la località per una vacanza con bambini

Località per vacanze coi bambini

Innanzitutto informatevi con attenzione sulle caratteristiche della località dove vorreste andare in vacanza.
Se, per esempio, vi piacerebbe visitare una città d’arte (grande o piccola che sia) verificate che ci sia almeno una zona pedonale (per non dover controllare in continuazione che i bambini non corrano pericoli) o, se, per esempio, è “tutta salite e discese” (se non usate più il passeggino potreste ritrovarvi tutto il tempo coi più piccoli in braccio).
Se invece state pensando di andare al mare, studiate la costa: se è per la maggior parte rocciosa, le spiagge sabbiose saranno poche e, soprattutto, affollatissime (e i lidi attrezzati molto più costosi): valutate bene se sia il caso di andarci con i bimbi molto piccoli.
Nel caso in cui sceglieste la montagna o la campagna, le zone con passeggiate, sentieri, laghi e attività organizzate per bambini, sono sicuramente da preferire.

2. Controllate i siti web e le pagine social degli alberghi

Studiare siti e pagine social degli hotel

Una volta scelta la località, se avete già individuato una o più strutture di soggiorno, cominciate a valutare quanto siano “abituate” ad ospitare i bambini, curiosando sul sito web e sulle pagine social.
Cosa controllare? Per prima cosa se nel menù del sito c’è una voce “Family” o “Bambini” o box dedicati ad attività/itinerari per famiglie: se a loro viene dedicato molto spazio o un’intera pagina, è indice che le famiglie sono clienti abituali e graditi. Studiate le caratteristiche delle camere (sono ampie? Ci sono scalini interni? Hanno balconi con ringhiere pericolose?) e quelle dei servizi (forniscono culle e/o lettini e accessori per i più piccoli? Gratis o a pagamento? Il ristorante ha menù baby o kids? Ci sono aree gioco interne, se dovesse piovere? ). Infine, sia sul sito web che sui social, guardate le foto pubblicate: ci sono solo quelle pubblicitarie o anche quelle di famiglie “vere”, ospiti dell’hotel? Vedete immagini con bambini che seguono attività, o giocano con le educatrici? E quale età anno i bambini nelle foto?
In questo modo potrete farvi un’idea di come sarete accolti e quali servizi troverete con certezza.

3) Valutate il contatto diretto con le strutture ricettive

Scrivere una lista e fare un elenco di domande all'hotel


Se non avete trovato tutte le informazioni di cui avete bisogno sul sito dell’hotel/residence/B&B/agriturismo (ma il posto vi piace molto) è un’ottima idea semplicemente telefonare o inviare una email alla struttura e chiedere quello che vi interessa. Così saprete se nel B&B c’è modo di scaldare pappe/biberon di notte, se nell’appartamento ci sono babyaccessori ed è silenzioso nelle ore notturne, ed anche se nell’albergo la piscina è troppo profonda o se è disponibile un servizio di babysitter. Non sempre sono indicate o visibili tutte le informazioni, e vanno chieste esplicitamente. Fatevi una lista, e domandate tutto quel che vi serve sapere: se sono disponibili camere per disabili, se ci sono menù per allergici/intolleranti, se sono ammessi i cani (gratis o a pagamento), se ci sono negozi nei dintorni, pediatri disponibili, ecc.
Meglio essere un pò “puntigliosi” prima, che trovarsi in difficoltà poi, mentre si è in vacanza.

4) Prendete in considerazione le informazioni sui portali di prenotazione online

Leggere le recensioni sul web

Un’altra fonte di informazioni molto utile possono essere le recensioni dei portali di prenotazione, come Booking e Airbnb, dove trovate esclusivamente feedback di famiglie che sono state veramente ospiti delle strutture pubblicate. Selezionate le recensioni relative alle famiglie (tramite i filtri di ricerca) e quelle più recenti (comunque non più vecchie di un anno) e prestate attenzione anche ai commenti negativi: quello che può essere un difetto per alcuni, è invece un pregio per altri (ad esempio una piscina sempre affollata di bambini, la presenza di animali da cortile oppure la colazione servita molto presto).
Se non prendete tutto per oro colato, ma avrete ulteriori indicazioni da tenere in considerazione.

5) Consultate i blog di viaggi per famiglie

Consultare i blog di viaggi per famiglie

Se invece preferite racconti dettagliati di famiglie che sono state ospiti in una struttura o in una località, potete anche leggere i blog di viaggi per famiglie. Avete già in mente una regione o una città, ma non sapete dove dormire con i bambini? Vi basterà digitare sui motori di ricerca semplici frasi, come “Trasimeno con bambini”, e avrete a disposizione un bell’elenco di articoli su vacanze, weekend e itinerari, dedicati solo alle famiglie, in quella località. Leggere le esperienze di altri genitori, magari con bambini della stessa età dei vostri, può certamente essere utile (e darvi anche tante idee, su attività e visite da fare in zona).

In sintesi: dedicare un pò di tempo in più alla scelta dell’hotel (o dell’appartamento, del B&B, dell’agriturismo, ecc), dove andare in vacanza con i bambini non è affatto superfluo: vi mette al riparo da piccoli inconvenienti, o seccanti mancanze, che potrebbero rendere il vostro viaggio molto meno piacevole. Quindi armatevi di tempo e pazienza (con pc, cellulare e un blocco per appunti alla mano), scegliete il posto perfetto per la vostra famiglia e BUONE VACANZE con i bambini!